Via Veneto - Barberini Roma

- alberghi, hotel, bed & breakfast ed informazioni per il turismo.

Via Veneto - Barberini


Via Veneto - Barberini Roma

L'intera area di Via Veneto a Roma, resa celebre come il fulcro mondano della capitale nel periodo della "dolce vita" di felliniana memoria, fu disegnata intorno al 1889 ed intitolata Vittorio Veneto.

Il tracciato che parte da Porta Pinciana e termina in piazza Barberini, attraversa l'antica proprietà della famiglia Ludovisi, ed è segnato dalla presenza di numerosi alberghi e caffè che sono ancora, oggi come nei mitici anni '60, palcoscenico privilegiato per i soggiorni romani delle celebrità italiane e straniere.
Su Via Veneto, inoltre, si affacciano l'ambasciata degli Stati Uniti d'America ospitata presso il Palazzo Margherita, progettato dall'architetto Gaetano Koch tra il 1886 e il 1890 e la chiesa di Santa Maria della Concezione, nota anche ai romani con l'appellativo "i Cappuccini", fatta costruire intorno al 1624 dal cardinale Antonio Barberini sull'area della preesistente chiesa di Sant'Antonio da Padova; malgrado sia una vera e propria galleria d'arte con opere di Guido Reni, Domenichino, Pietro da Cortona e Caravaggio, la chiesa deve la propria notorietà al famoso Cimitero, nel quale cinque cripte sono state interamente decorate con le ossa di 4000 frati cappuccini.

Via Barberini

All'angolo di Via Veneto si trova la celebre Fontana delle api, l'animale simbolo dei Barberini, potente casato romano a cui la Capitale ha intitolato una via e una piazza tra le più importanti della città.
Piazza Barberini si trova tra il colle Quirinale e gli Horti Sallustiani, e prende il nome dal Palazzo Barberini che vi si affaccia, anche se l'ingresso del palazzo, terminato di costruire nel 1625 su commissione del cardinale Francesco Barberini è posto in Via delle Quattro Fontane. Al centro della piazza si può ammirare una delle più belle fontane di Roma, la Fontana del Tritone, opera di Gian Lorenzo Bernini, realizzata nel 1643 su commissione del papa Urbano VIII Barberini. La scultura in travertino presenta, tra le code dei quattro delfini che sorreggono un tritone, due stemmi dei Barberini. Dalla piazza parte poi Via Barberini, che venne aperta nel 1926-32 con il nome di via Regina Elena per facilitare il collegamento tra il centro storico e la Stazione Termini. Lungo la via, caratterizzata dalla presenza degli uffici di rappresentanza di molte compagnie aeree e marittime, si affaccia una parte di Palazzo Barberini, con l'entrata della Galleria Nazionale di Arte Antica, uno dei Musei più prestigiosi della Capitale.

Scegli online Alberghi ed Hotel a Roma
con il nostro sistema di prenotazione online.
È facile, sicuro e veloce!
Approfondimenti
Chi Siamo | Servizio Informazioni | Mappa del Sito | Privacy Policy