Fontana di Trevi - Quirinale Roma

- alberghi, hotel, bed & breakfast ed informazioni per il turismo.

Fontana di Trevi - Il Quirinale


Fontana di Trevi - Quirinale Roma

La Fontana di Trevi di Roma, realizzata sotto il pontificato di Clemente XII intorno al 1735 d.C. lungo Palazzo Poli, è opera dell'architetto Nicolò Salvi ed è ancora oggi alimentata dall'acquedotto Vergine progettato nel 19 a.C. dal console Agrippa.

Intorno all'etimologia del monumento esistono almeno due ipotesi che traggono entrambe origine dall'antica storia di Roma: c'è chi sostiene che il nome della Fontana di Trevi derivi da "Trivia", la fanciulla che avrebbe indicato al generale Marco Agrippa, di rientro a Roma dopo la vittoriosa battaglia di Anzio contro Antonio, la sorgente che poi servirà la fonte, mentre altri ritengono probabile l'allitterazione del toponimo latino "regio trivii", con il quale presumibilmente si indicava o l'incrocio di tre strade presso il quale sorgeva la fonte romana o la caratteristica stessa della fonte di avere tre distinti getti d'acqua.

La prima opera di sistemazione e restauro dell'acquedotto viene varata da Papa Nicolò V Parentucelli ed affidata ai progetti di Leon Battista Alberti e di Bernardo Rossellino; successivamente Urbano VIII Barberini conferisce l'incarico di progettare una nuova fonte al Bernini che comincerà con il demolire il prospetto rinascimentale preesistente. I lavori, tuttavia, si arrestano alla messa in opera di un basamento ad esedra, con una vasca antistante in cui confluiscono tre bocche d'acqua e soltanto nel 1730 d.C., 90 anni più tardi, papa Clemente XII bandirà un concorso per la realizzazione definitiva della fontana di Trevi vinto da Nicola Salvi.

L'attico della Fontana di Trevi è decorato da quattro statue personificate che rappresentano, a partire da sinistra, "l'Abbondanza dei frutti", di Agostino Corsini, "la Fertilità dei campi" di Bernardino Ludovisi, "i Doni dell'autunno" di Francesco Queirolo e "l'Amenità dei prati" di Bartolomeo Pincellotti ed è culminato da una grande iscrizione voluta da papa Clemente XII, il cui stemma, alla sommità, è fiancheggiato da due Fame di Paolo Benaglia.

Nella nicchia più grande al centro, affiancata da colonne corinzie, l'imponente statua di Oceano, progettata da Giovan Battista Maini ma scolpita da Pietro Bracci, conduce un cocchio a forma di conchiglia guidato da un tritone e trainato da due cavalli marini alati, uno iroso e l'altro placido mentre ai lati trovano collocazione le personificazioni della Salubrità e dell'Abbondanza di Filippo Della Valle.

Giuseppe Pannini, succeduto al Salvi nella direzione dei lavori quale nuovo architetto dell'Acqua Vergine, completa il progetto del Salvi con la creazione di bacini regolari con bordi levigati in marmo nella parte centrale della scogliera.

La piccola piazza di Trevi, che accoglie la più famosa fontana di Roma, è probabilmente il luogo più affollato dai visitatori, i quali, come la tradizione vuole, lanciano una monetina nella vasca sperando che questo gesto garantisca loro di tornare ancora una volta a Roma.

Il Quirinale

Il Quirinale ( colle che prende il proprio nome dal Tempio di Quirino che vi sorgeva, vicino alla porta nelle mura serviane ) rappresenta sia uno dei sette colli su cui venne fondata Roma, sia l'appellativo utilizzato per la residenza ufficiale del Presidente della Repubblica.

Occupato fin dall'Età del Ferro ( ne sono prova alcune tombe trovate nelle vicinanze di Porta Collina e Porta Sanqualis, nonché alcuni ex-voto risalenti al VII secolo a.C. ritrovati vicino a Santa Maria della Vittoria e il vaso di Dueno, con una delle più antiche iscrizioni in latino, databile fine VII-inizio VI secolo a.C.) il suo suolo è continua fonte di ritrovamenti acheologici.

Per rendersene conto, basta bensare ai mosaici risalenti al II secolo a.C. ritrovati sotto la Chiesa di Santa Prudenziana, ma anche al gran numero di templi che si snodavano per la via che corre lungo il confine col Viminale ( vi erano infatti i templi di Pudicitia Plebeia, di Fortuna Euelpis, di Spes e di Febris; presso la Porta Collina si trovavano altre tre templi di Fortuna, quello di Venere Erycina e quello di Ercole ).

Personalità illustri dell'Antica Roma contribuirono a sviluppare il Quirinale, divenuto insieme al Viminale la VI regione augustea. Infatti, Tiberio face costruire fuori dalle mura serviane i Castra Praetoria, Caracalla edificò il tempio di Serapide, Costantino vi fece erigere le ultime Terme cittadine ( che sono però andate perse ); confinante con gli Horti Sallustiani, residenza dell'Imperatore, sul Quirinale soggiornarono anche numerosi ospiti illustri, come Tito Pomponio Attico, Marziale e Vespasiano.

Il quartiere si sviluppava attorno ad alcune vie principali: il Vicus Patricius, il Vicus Longus ( l'attuale Via Nazionale ) e l'Alta Semita.

I monumenti da poter visitare sul colle, magari soggiornando in un hotel o albergo del Quirinale, sono numerosi e importanti:

  • La chiesa di Sant'Andrea al Quirinale, che venne progettata da Gian Lorenzo Bernini;
  • Le Quattro Fontane e la chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane del Borromini;
  • Palazzo del Drago;
  • Palazzo Volpi di Misurata, di fronte a San Carlino;
  • Palazzo Baracchini (ora sede del Ministero della Difesa).
  • La chiesa di San Silvestro al Quirinale;
  • Villa Colonna (XVII secolo), di fronte a Palazzo Rospigliosi, contiene alcuni resti del
  • Tempio di Serapide di Caracalla;
  • Palazzo della Consulta che ospita oggi la Corte Costituzionale;

Oltre a quelli menzionati, il colle offre numerosi altri resti antichi, fra cui: Horrea Galbana, il Sepolcro dei Sempronii, l'Ara dell'incendio neroniano, i Magazzini di Lucio Nevio Clemente, il Mitreo Barberini, il Capitolium Vetus, il Santuario di Diana Plancianam, il Santuario di Semo Sancus Dius Fidius, il Tempio della gens Flavia, il Tempio di Flora, il Tempio della Salus.

Il Palazzo del Quirinale, residenza del Presidente della Repubblica, venne edificato alla fine del XVI secolo da Papa Gregorio XIII. Dopo vari anni in cui il palazzo venne ampliato (da architetti come Mascarino, Maderno, Borromini, Fontana, Bernini etc...) e la sua costruzione terminò soltanto nel 1732.

Fino al 1870 il Quirinale fu la residenza estiva dei Papi, che la preferivano alla zona del Vaticano per l'aria, ritenuta più salubre; dopo la conquista di Roma da parte del Regno d'Italia, fino al 1946 vi soggironarono i re.

Il Quirinale è anche un enorme ricettacolo di opere d'arte: al suo interno arazzi, dipinti, carrozze, statue, porcellane, mobili, orologi e lampadari di altissimo pregio fanno sfoggio di sé sia nelle sale comuni che nelle ali ristrutturate per ospitare capi di Stato in visita dall'estero.

Relativamente al Quirinale, famosissimi sono anche i suoi splendidi giardini ( che costituiscono quasi una privilegiata "isola" su Roma ), le Scuderie, destinate ad importante spazio espositivo (circa 1500 metri quadri), inaugurate dal Presidente Ciampi e concesse al Comune di Roma, la Caserma dei Corazzieri e l'Archivio Storico.

Scegli online Alberghi ed Hotel a Roma
con il nostro sistema di prenotazione online.
È facile, sicuro e veloce!
Approfondimenti
Chi Siamo | Servizio Informazioni | Mappa del Sito | Privacy Policy